Centro diurno

L'incontro con le altre persone

Chi frequenta il centro diurno arriva da una vita familiare propria, eterogenea, e l’attesa che si crea nella persona e nella famiglia è spesso rappresentata dalla possibilità di conquistare un qualcosa in più, spesso scarsamente definito, da aggiungere al patrimonio delle esperienze e delle relazioni (a volte, da parte della famiglia, per la gravità dei casi, si assiste ad un’attesa appiattita sui soli bisogni assistenziali; è necessario in quei casi un lavoro per fare notare alla famiglia i piccoli cambiamenti in corso). Il tempo trascorso nel centro è quindi, riguardo all’autonomia, investito in attività legate alla relazione con gli altri, con gli spazi, col proprio corpo, con la propria capacità di organizzarsi. Particolare attenzione viene riservata alla cura della persona e ai momenti comuni del pranzo, palestra di grande potenzialità per osservare, indirizzare, sollecitare i cambiamenti.

Il Servizio Socio Riabilitativo Diurno è una struttura socio-sanitaria a carattere diurno destinata a cittadini portatori d’handicap. I destinatari del servizio socio riabilitativo diurno sono persone con deficit psichico, fisico e sensoriale per le quali si è valutato il bisogno di inserimento in strutture socio riabilitative diurne. Normalmente sono persone adulte, oltre la maggiore età. L’accoglienza di utenti di età inferiore alla fascia dell’obbligo scolastico è da considerarsi eccezionale e comunque non possono essere accolti soggetti di età inferiore ai 14 anni.

Il centro socio riabilitativo diurno ha tra le proprie finalità:

  • Attuare interventi volti all’acquisizione della autonomia individuale nelle attività quotidiane ed al potenziamento delle capacità cognitive e relazionali;
  • Offrire un sostegno ed un aiuto al disabile ed alla sua famiglia, supportandone il lavoro di cura;
  • Attivare strategie per l’integrazione sociale dell’ospite.

Il Servizio Socio Riabilitativo Diurno funziona dal lunedì al venerdì per una copertura di servizio di 36 ore settimanali, per 10,5 mesi l’anno, accogliendo fino ad un massimo di 18 ospiti. Attualmente sono accolti 14 utenti. Le attività svolte sono polifunzionali e organizzate in modo da perseguire gli obiettivi legati all’area dell’autonomia personale, della socializzazione e del recupero psicofisico.
Tali attività sono strutturate in base ad una programmazione settimanale e sono di tipo educativo, di socializzazione, ludico-motorie, ricreativo culturali, terapeutico riabilitative.
Questa organizzazione favorisce un processo di integrazione sociale e si presenta come insieme di momenti differenziati sia per contenuti che per obbiettivi.
L’Unità garantisce l’attività sportiva attraverso momenti in piscina o al palazzetto dello sport.

E’ prevista la somministrazione dei pasti ed il trasporto.

L’attività progettuale della Cooperativa Lamberto Valli si rifà alla definizione ufficiale secondo la quale l’educatore “…svolge la propria attività mediante la formulazione e l’attuazione di progetti educativi, caratterizzati da intenzionalità e continuità volti a promuovere e contribuire il pieno sviluppo delle potenzialità di crescita personale e di inserimento e partecipazione sociale, agendo per il perseguimento di tali obiettivi sulla relazione interpersonale, sulle dinamiche di gruppo, sul sistema familiare, sul contesto ambientale e sull’organizzazione dei servizi in campo educativo”.

Si evidenzia come l’approccio sia globale, centrato sulla persona e sui mondi che la circondano (famiglia, servizi, gruppi...).

Intenzionalità e continuità sono le caratteristiche fondamentali che distinguono la professionalità del progetto (come detto in precedenza) e la verifica è lo strumento base che permette e qualifica questo approccio.

Attualmente ogni ragazzo ha un progetto individuale che lo accompagna nel suo iter interno al centro e che viene verificato periodicamente dall’equipe degli educatori e degli assistenti.